Car sharing, il vantaggio di risparmiare sulle spese dell’auto

Possedere un’auto comporta andare incontro a una notevole serie di costi: carburante, bollo, assicurazione, manutenzione, parcheggio. Al fine di evitare queste spese, esiste l’alternativa offerta dal car sharing, il servizio di condivisione del veicolo che permette di risparmiare su tutte queste voci. Vediamo qui di seguito come funziona, quali sono i suoi vantaggi e le società che offrono questo servizi sul territorio nazionale.

Car sharing: che cos’è e come risparmiare

Il car sharing (tradotto letteralmente: condivisione dell’auto), consente di usufruire di un mezzo di trasporto quando se ne ha bisogno, contattando delle aziende che mettono a disposizione l’auto per il periodo desiderato. Quest’opzione non va confusa con il cosiddetto “car pooling”, un metodo di condivisione dell’auto meno strutturato, che si basa sul principio dell’ottimizzazione dei posti auto disponibili durante un viaggio, al fine di risparmiare sul carburante e diminuire il traffico.

Il car sharing si sta lentamente proponendo anche in Italia, mentre in Europa è una realtà ormai consolidata: sono infatti quasi un milione gli automobilisti che hanno scelto questa opzione di mobilità, e si stima che entro il 2022 si raggiungerà un utenza europea di ben 24 milioni.

Con questo servizio, i costi si limitano solamente alla tariffa dell’utilizzo dell’auto, che varia a seconda del modello, del tempo utilizzato e dell’eventuale prenotazione, mentre non c’è bisogno di fare rifornimento di carburante prima o dopo l’uso. Il mezzo può essere raggiunto nei punti di ritiro dislocati nella città e dopo l’utilizzo può essere lasciato in una delle aree di parcheggio convenzionate indicate in una mappa. Tutte le funzioni del servizio sono collegate a delle pratiche applicazioni per smartphone, che consentono prenotazione, pagamento e ricezione di tutte le informazioni necessarie in tempi rapidissimi.

I vantaggi del car sharing

Considerate le recenti ripercussioni negative causate dal traffico nelle grandi città, i vari servizi di car sharing si dimostrano vantaggiosi su diversi fronti: come detto, si risparmia notevolmente sui costi di gestione del mezzo; la modalità di ritiro e consegna del veicolo è assai pratica, e consente di utilizzarlo solo nel periodo di necessità; si riduce la quantità di auto nei centri cittadini, che vengono usate in modo più razionale e strategico; alcune compagne propongono auto elettriche, contribuendo alla diminuzione dell’inquinamento atmosferico; ed infine, non dovendo possedere l’auto, non ci si dovrà più preoccupare su come custodirla in un eventuale box, cortile interno o parcheggio.

Abituarsi a questa tipologia di utilizzo dei veicoli è prima di tutto un passo in avanti culturale, basato su una consapevolezza collettiva circa i rischi alla salute e all’ambiente causati dall’eccessiva intensità del traffico cittadino. Inoltre, il mezzo viene considerato non come un indicatore dello status sociale, né come un lusso sportivo, bensì come un semplice strumento di spostamento per partire da un punto e raggiungerne un altro in maniera sicura e rapida.

Auto car sharing: i servizi in Italia

Le prime città italiane che hanno proposto i servizi di car sharing sono state Milano e Bologna, a partire dal nuovo millennio. Nel corso degli anni successivi, la formula ha preso gradualmente piede in numerose altre città, estendendosi anche al sud e alle isole maggiori. Tra le compagnie più affidabili si possono citare Enjoy, Car2go, Bee Mobility Sharing, GuidaMi e EQ sharing ma poiché si tratta di un fenomeno in crescita, si prevede che il numero delle società possa aumentare nel corso dei prossimi anni.

Le tariffe proposte variano tra loro, per cui si consiglia di consultare i siti internet ufficiali di ogni servizio alla sezione costi. Si potranno trovare diverse soluzioni di pagamento, che vanno dall’abbonamento annuale alle tariffe libere giornaliere o orarie, includendo anche delle simpatiche offerte “tematiche”, come il noleggio auto per andare ad un concerto, alla partita, alla stazione o all’aeroporto, con tanto di posto auto riservato.