Guida per guadagnare con YouTube nel 2021

Avete un account su YouTube, vi divertite a fare i vostri video e vi piacerebbe riuscire anche a guadagnare qualcosa? Grazie ad alcune possibilità che lo stesso YouTube dà questa possibilità esiste, però non pensate di poter così vivere di solo YouTube. Di sicuro è un sistema che vi permette di arrotondare senza troppi sforzi, e magari anche divertendovi. Già in passato vi abbiamo parlato di come fare soldi con YouTube, ma quello che vogliamo fare ora è approfondire il concetto di pubblicità con una guida completa, per scoprire bene come creare l’account e ottimizzare i video per guadagnare.

Come guadagnare con YouTube: guida 2021

Guadagnare con YouTube significa prima di tutto permettere al sito di inserire della pubblicità all’interno dei vostri video. Per poterlo fare è necessario autorizzare la piattaforma a farlo, e per farlo è necessario diventare partner di YouTube. Per poterlo diventare è necessario rispettare alcuni standard fondamentali: per prima cosa è fondamentale avere un discreto numero di visualizzazione dei propri video; è necessario aver caricato un buon numero di video; infine, cosa più che fondamentale, è obbligatorio non aver violato mai il copyright, né le regole interne di YouTube. Se sapete di rispettare tutte queste condizioni potete provare a diventare partner.

Nel momento in cui si decide di diventare partner bisogna accedere al proprio account per inoltrare la richiesta. All’interno dell’account è possibile vedere tutte le informazioni che ci riguardano, e qui possiamo anche valutare se rispettiamo i valori di cui abbiamo parlato sopra. Infatti accanto alle voci Norme della Community e Copyright possiamo notare la presenza di un pallino. Se il pallino è verde possiamo procede alla richiesta di partnership, altrimenti dobbiamo rinunciare. All’interno della schermata compare anche la voce Monetizza, ed è qui che dobbiamo cliccare su attiva, così da inoltrare la nostra richiesta. Nel caso in cui non compaia l’opzione monetizza, è possibile compilare un modello disponibile sempre online per richiedere dii diventare partner e attendere la risposta di YouTube.

Pubblicità sul video YouTube: come e quanto si guadagna

Nel momento in cui si è diventati partner, YouTube provvede in automatico ad inserire gli spot pubblicitari all’interno di ogni video che caricheremo, in caso di impossibilità ad inserire l’inserzione verremo avvisati da un’apposita schermata. Mediamente la pubblicità viene inserita all’inizio del filmato in spot di circa 20 secondi, che possiamo scegliere se possono essere saltati dagli utenti o meno. Inoltre possono anche essere inseriti dei banner all’interno del video che stazionano mentre si guarda. Il guadagno maggiore si ottiene nel caso in cui l’utente clicca sulla pubblicità, motivo per cui è necessario che la pubblicità sia coerente col video.

Se gli utenti non cliccano gli incassi sono minori. Va considerato che YouTube trattiene la sua parte di ricavi (non quantificata) e che i ricavi si aggirano intorno ad 1 dollaro ogni 1000 visualizzazioni. Questo vuol dire che considerando le visualizzazioni medie dei video in Italia, che si aggirano intorno alle 4-5 mila si può guadagnare sui 4-5 dollari a video. I video vengono comunque valutati da YouTube prima di accettare se inserire o meno lo spot. Per questo motivo è fondamentale lavorare bene con i video, ed essere consapevoli che come dicevamo può essere un buon modo per arrotondare senza aspettarsi troppo.

Come si viene pagati da YouTube

Questa è la cosa più “complicata” ma non troppo, ovvero è fondamentale per essere pagati avere un account Adsense, per cui se non lo si ha è fondamentale aprirne uno. Inoltre è necessario che si colleghi il proprio account Adsense con il proprio account YouTube. Questa operazione può richiedere fino a 24 ore di tempo. Fatto questo i pagamenti verranno effettuati senza difficoltà. Attraverso Adsense sarà anche possibile visualizzare le entrate inYouTube Analytics. Ricordiamo che il pagamento si ottiene una volta raggiunte le soglie di pagamento che variano a seconda della valuta dei rapporti del proprio account.