Come investire 30000 euro nel 2022: dove conviene investire oggi, in Italia o all’estero

nvestire 30000 euro nel 2022, come e dove conviene investire oggi? E’ meglio in Italia o all’estero, per tutelare i risparmi dall’inflazione o ottenere interessanti profitti? Poter investire una somma di denaro al fine di vederla fruttare comporta per l’investitore una serie di scelte accurate e metodiche considerazioni per non incorrere in una speculazione sbagliata con il rischio di perdere i propri soldi.

Più volte, in articoli precedenti, abbiamo approfondito le tematiche relative al trading online e alla possibilità per tutti, investitori principianti e trader più esperti, di “giocare” sulla vendita o l’acquisto di azioni, di materie prime, valute e beni rifugio semplicemente registrandosi su piattaforme online di facile utilizzo, grazie ad una grafica intuitiva ed ai consigli che si possono ricevere. Avvicinarsi alla speculazione, dunque, è semplice ma non per questo si deve pensare di saper gestire un investimento senza avere alle spalle una buona conoscenza dei mercati finanziari. Per questo motivo è bene approfondire la conoscenza con il mondo degli investimenti per cercare di capire dove conviene investire nel 2022 i propri risparmi. In Italia o all’estero? Il mercato immobiliare conviene ancora? E i beni rifugio rimangono l’unico investimento lontano dal rischio? Cercheremo di rispondere a queste domande in modo tale che, alla fine dell’articolo, possiate avere le idee più chiare su come investire 30000 euro.

Investire 30000 euro nel 2022: da dove iniziare?

Avere a disposizione una somma di 30000 euro e decidere di investirla è un passo importante che deve essere valutato attentamente. Non si parla certo di un vero capitale ma comunque di una cifra entry level che per chi è da poco entrato nel mondo degli investimenti ha una certa rilevanza. La prima domanda a cui occorre dare risposta è perché si vuole investire. Per tutelare i risparmi o per vederli fruttare sono due risposte che fanno intraprendere ai trader strade differenti dato che presuppongono due livelli di rischio totalmente differenti. Nel 2022, infatti, si osserva come rendimenti maggiori siano strettamente legati a rischi più elevati mentre guadagni irrisori sono connessi ad una assenza di rischio di perdita del denaro.

Iniziamo da una modalità di investimento di bassissimo rischio, ideale per chi vuole salvaguardare i propri risparmi e che non punta ad elevati rendimenti. Parliamo dei conti deposito, forme di investimento sicure, garantite dal Fondo Interbancario di Garanzia (per cifre fino ai 100 mila euro) con rendimenti irrisori, di poco superiori ad alcune obbligazioni. Altre caratteristiche di questa prima forma di investimento di cui è bene essere a conoscenza sono la presenza di imposte aggiuntive, come l’imposta di bollo, una tassazione del 26%, un mese di attesa circa per svincolare le somme depositate dovendo poi rinunciare ad una parte o a tutti gli interessi maturati. Come vantaggi di questa forma di investimento troviamo principalmente proprio la semplicità di gestione e la sicurezza offerta ai propri risparmi rivelandosi, di conseguenza, la scelta migliore per investitori cauti, non amanti del rischio, preoccupati dalla volatilità dei titoli, dai fallimenti delle banche e dall’instabilità dei mercati.

Sicurezza e tranquillità sono riscontrabili dal trader cauto anche nei Titoli di Stato, con o senza cedola. Conviene investire in una entità statale perché si ottengono in cambio interessi, ottenibili alla fine del “contratto” o con scadenze regolari attraverso le cedole. Il rischio è legato al livello di rating dei Paesi a cui i titoli sono legati. Esistono Paesi che presentano una situazione promettente, stabile e serena e sono dunque l’ideale per chi non ama rischiare ma che si accontenta di bassi rendimenti. Altri Paesi, invece, presentano un basso rating, problematiche interne più o meno gravi, e, di contro, rendimenti elevati. Come dicevamo inizialmente, la scelta della convenienza di una forma di investimento piuttosto che un’altra dipende dalle intenzioni originarie dell’investitore.

Beni rifugio, mercato azionario e fondi, altre modalità per investire 30000 euro oggi

I beni rifugio rimangono nel 2022 una delle modalità di investimento meno rischiose e più convenienti, non molto remunerative ma volte alla tutela del denaro. Investire nell’oro, in diamanti, nell’argento o in metalli preziosi significa puntare su beni con un valore di scambio accreditato nel tempo. Monete d’oro o lingotti e diamanti certificati da esperti del settore sono protagonisti di un mercato in crescita o che rimane comunque stabile in periodi in cui altre forme di rendimento diminuiscono a causa di una instabilità del mercato. La cifra da investire oggi, 30000 euro, rientra perfettamente all’interno di un’ottica di investimento nell’ambito dei beni rifugio così come per il mercato dell’arte o quello delle auto storiche, mentre non vale, ad esempio, per il mercato immobiliare.

Un altro mercato in cui investire 30000 euro è il mercato azionario. A prima vista sembra essere una soluzione di difficile approccio e alquanto rischiosa, ma tenendo conto di alcune considerazioni e accortezze potrebbe rivelarsi un conveniente metodo di investimento per la propria somma di denaro. L’ottica in cui agire, innanzitutto, è quella dell’investimento nel medio e lungo periodo, senza pretendere rendimenti immediati. I rischi qui sono presenti e per quanto si cerchi di ridurli al minimo questo tipo di speculazione è più adatta a chi non ama la cautela e desidera guadagni più elevati. La riduzione dei rischi si potrebbe ottenere diversificando le azioni, da quelle bancarie a quelle delle nuove tecnologie fino a quelle energetiche restando all’interno dei 30000 euro di cui si dispone. Negli ultimi anni, come accennato in precedenza, gli investitori presentano una preferenza di investimento attraverso il trading online che consente loro di “giocare” con le azioni non acquistandole ma sfruttando gli asset sottostanti. Diminuiscono, così, le perdite di denaro e aumentano le prospettive di guadagni (sempre all’interno di una conoscenza approfondita dei mercati finanziari).

In questo 2022, poi, continuano ad essere molto utilizzati i fondi di investimento, strumenti di risparmio pensati per tutti i tipi di investitori, da quelli cauti a quelli amanti del rischio. Esistono, infatti, fondi a basso rischio e a basso rendimento e fondi ad alto rischio correlato ad un potenzialmente alto rendimento. Come investire, dunque, 30000 euro? In fondi obbligazionari (più sicuri dato che includono Titoli di Stato), fondi azionari (poco più rischiosi e con rendimenti di poco superiori), fondi immobiliari, pensionistici e liquidi. Anche nel caso dei fondi utilizzati come investimento la tassazione prevista è del 26% e sono presenti commissioni dal costo importante che in alcuni casi annullano i guadagni. Investire nei fondi, dunque, è una decisione da prendere con prudenza dopo aver vagliato le altre possibilità che il mercato offre.

Finora abbiamo esplorato il mondo degli investimenti delineando un quadro generale osservabile tranquillamente dalla nostra penisola. E’ arrivato il momento, però di allargare la ricerca delle modalità più convenienti per  investire 30000 euro cercando la risposta alla domanda se conviene investire in Italia o all’estero.

Investire 30 mila euro all’estero, quali sono i vantaggi rispetto all’Italia

I metodi per investire i propri risparmi sono molteplici, più o meno convenienti, e legati alle scelte personali degli investitori. Abbiamo visto dove investire, nei fondi, nel conto deposito, nei beni rifugio, nel mercato azionario e come sia diventato semplice appartenere al mondo degli investimenti grazie al supporto di banche e delle piattaforme online che permettono di fare trading in sicurezza. Ogni italiano, dunque, può comodamente rapportarsi con i mercati finanziari del mondo e trarre le proprie conclusioni sull’opzione che più attira.

Alcuni particolari tipologie di attività che si vogliono svolgere, però, presuppongono uno spostamento fisico o di denaro dell’investitore verso un Paese estero, un allontanamento dall’Italia per guadagnare di più investendo i propri risparmi. In un precedente articolo, ad esempio, abbiamo mostrato i vantaggi e gli svantaggi di un investimento in Albania, Paese caratterizzato da una crescita interessante e ancora poco sfruttato, ad esempio, per il turismo, i trasporti, la produzione in generale e nell’ambito del settore minerario. Ragionamento analogo per quanto riguarda la convenienza di un investimento può essere fatto per la Svizzera, sfruttando le banche svizzere e i servizi di gestione professionale dei capitali, di semplice deposito dei risparmi e quelli che mettono a disposizione piattaforme telematiche per entrare nei mercati azionari ed obbligazionari mondiali. Le azioni svizzere, poi, sono remunerative dato che parliamo di un Paese caratterizzato da una delle economia più competitive al mondo così come risulta conveniente investire in soldi svizzeri, sia rimanendo in Italia e gestendo l’investimento online aprendo un conto con un broker (come Plus500) che spostando fisicamente i soldi in Svizzera.

L’estero, poi, è la scelta di molti investitori che puntano sul mercato immobiliare. 30000 euro, come già detto, non sono un capitale sostanzioso perciò la scelta è limitata ad alcuni Paesi. Con questa cifra, ad esempio, è possibile acquistare un “prodotto” soddisfacente in Messico, a Capo Verde o nella Repubblica Domenicana.

Le esigenze personali, dunque, sono alla base della considerazione che un metodo di investimento sia più conveniente di un altro. Vi abbiamo mostrato diverse possibilità riguardanti non solo la nostra penisola ma anche paesi esteri e mercati finanziari esteri. Nel 2022, nel pieno dell’era tecnologica, è possibile, infatti, decidere di investire in Italia o all’estero comodamente da casa avendo una visione completa dell’economie finanziarie del mondo. Ora è il momento che facciate la vostra scelta tenendo conto che un portafoglio diversificato di investimenti è la soluzione che spesso accomuna tutti i tipi di investitori, dai più esperti ai principianti, dai più cauti e desiderosi di tutelare i propri risparmi agli amanti del rischio e dei guadagni immediati.