Come investire 2000 euro nel 2022: borsa, oro o criptovalute?

Disponete di una piccola somma e non sapete come sfruttarla al meglio? In questo caso, potreste prendere in considerazione l’idea di investirla per ottenere un guadagno superiore. Per fare un buon investimento, infatti, non è necessario disporre di una grossa somma di denaro, ma è sufficiente avere a disposizione anche poche migliaia di euro, l’importante è saper valutare bene il settore nel quale si deciderà di investire. Di seguito vedremo qualche consiglio utile su come investire 2000 euro e alcuni dei migliori settori d’investimento: dalla borsa, all’oro fino alle criptovalute.

Come investire 2000 euro in borsa nel 2022

Nel 2022 investire il proprio denaro è diventato molto semplice, anche perché i settori nei quali investire le proprie risorse sono davvero moltissimi.

Il primo settore in cui conviene ancora investire è sicuramente quello della compravendita di azioni in borsa. Secondo le analisi di tanti consulenti finanziari, sia italiani che stranieri, investire una somma di denaro, pur piccola, in borsa, è sempre una soluzione che consente un buon margine di guadagno. Non è un caso infatti, che investire in borsa sia considerata la forma di investimento per antonomasia.

Se state prendendo in considerazione l’idea di investire in borsa, occorre considerare che bisogna prima avere delle conoscenze finanziarie basilari o, in alternativa, farsi aiutare da un consulente finanziario. Sui siti italiani dedicati agli investimenti finanziari e soprattutto sul sito web di Finanza Italia – l’agenzia prestiti più importante d’Italia, con sede a Milano – si trovano tutte le informazioni di base per iniziare a investire in borsa, compresi gli indici azionari di riferimento e il loro rispettivo valore. Tuttavia, la compravendita di titoli azionari, che può essere effettuata in autonomia selezionando i titoli direttamente dalle piattaforme web dedicate o dalla propria banca di riferimento, non è l’unica soluzione per investire in borsa, ma esistono altre soluzioni alternative, come:

  • acquistare le quote di un fondo d’investimento;
  • sottoscrivere una gestione patrimoniale.

A proposito del secondo caso, un tempo, solamente chi possedeva grandi patrimoni poteva optare per questa soluzione, ma oggi, anche chi dispone di una somma più esigua come 2000 euro può ricorrere a questo genere di investimento.

Qualunque sia la modalità di investimento prescelta, conviene sempre affidarsi a un consulente tecnico incaricato, questo è infatti il primo passo per investire la propria somma di denaro in borsa, aumentando così la possibilità di un reale guadagno. Attualmente, alcuni esempi di titoli quotati presso la borsa di Milano, sono:

  • Amplifon (BIT: AMP);
  • AS Roma (BIT: ASR);
  • Assicurazioni Generali (BIT: G);
  • ATLANTIA (BIT: ATL);
  • Azimut Holding (BIT: AZM).

Investire 2000 euro in oro: conviene nel 2022?

Un altro bene sul quale potrebbe essere conveniente investire una somma come 2000 euro è l’oro.

Nel 2022, infatti, dopo due anni di crisi economica dovuta alla pandemia – crisi aggravata anche dalla guerra russo-ucraina attualmente in corso – l’oro si conferma il bene rifugio per eccellenza. Un bene rifugio è chiamato così perché mantiene inalterato il suo valore nel tempo, anche in periodo di crisi, motivo per il quale investire in un bene di questo tipo è sempre un’ottima decisione. Investire in oro, nel 2022, consente di avere una copertura in caso di disordini politici – e vista l’attuale situazione politica, è una soluzione da valutare concretamente – e un asset sicuro in caso di inflazione.

Vi sono due modalità di investimento in oro:

  • investire in oro fisico: gioielli, lingotti, monete, oggetti vari, ecc.;
  • investire in oro finanziario: azioni di aziende minerarie, ETF, ecc.

Per un piccolo investitore la soluzione migliore è quella di investire in oro finanziario. Perciò, chi dispone di una piccola somma come 2000 euro e volesse investire in oro, è consigliabile investire in oro finanziario.

Attualmente, poi, il prezzo dell’oro in euro è pari a 52 euro al grammo (38 dollari in USA). Come studiato da molti analisti finanziari, l’attuale grafico che mostra l’andamento del valore dell’oro, presenta un movimento regolare e affidabile che consente quindi di sostenere con certezza che per tutto il 2022 il prezzo dell’oro rimarrà entro i limiti previsti. Anzi, secondo illustri analisti è verosimile prevedere una crescita del prezzo dell’oro nei prossimi mesi.

Se state pensando di investire in oro finanziario, analogamente, sarà opportuno rivolgervi al vostro consulente finanziario che saprà suggerirvi i titoli azionari migliori del momento. Diversamente, se vorrete investire in oro fisico, occorrerà anche fare delle considerazioni inerenti la sua conservazione fisica. Se infatti avete intenzione di investire 2000 euro in oro fisico, allora è opportuno considerare una cassetta di sicurezza che custodisca il vostro oro fino al momento in cui deciderete di venderlo.

Investire in criptovalute 2000 euro: la situazione al 2022

Un altro settore di investimento, che ha riscosso un successo esponenziale soprattutto negli ultimi anni, è quello delle criptovalute, come sono anche chiamate le valute digitali. Questo genere di investimento si è guadagnato un posto tra i beni durevoli. Pare infatti che investire il proprio denaro nel settore della blockchain sia da considerare un ottimo investimento a causa della tendenza che le monete virtuali hanno a non sottostare alle consuete regole dei mercati finanziari. 

Il valore delle valute digitali, infatti non è controllato in forma centralizzata, come invece succede nel caso delle valute tradizionali.

Questo aspetto costituisce quindi un indubbio vantaggio soprattutto nei casi delle forti fluttuazioni di mercato e, ancora, soprattutto nei momenti di forte crisi geopolitica. Un altro significativo vantaggio, è costituito dalla limitata disponibilità di valuta circolante: la quantità di valuta che può circolare è infatti limitata e questo contribuisce a prevedere con largo anticipo il suo andamento nel tempo.  

Come accade per le valute tradizionali, anche per quelle virtuali, incide molto il rispettivo potere finanziario: non tutte le monete virtuali, infatti, hanno lo stesso peso sui mercati finanziari. Tuttavia, investire in criptovalute, secondo gli esperti analisti, è una valida alternativa ai consueti investimenti finanziari. Anche in questo caso però, occorre valutare bene su quale criptovaluta investire il proprio capitale, attualmente, gli esperti consigliano:

  • Bitcoin; la prima criptovaluta di sempre;
  • Ethereum.

Altre idee per investire 2000 euro in modo sicuro e non rischioso

Oltre alle forme di investimento che abbiamo appena visto, vi sono altre soluzioni sicure per investire il proprio gruzzolo. Di seguito alcune idee.

Poste Italiane

Per investire 2000 euro, Poste Italiane mette a disposizione dei propri clienti diverse soluzioni. In primo luogo è possibile aprire un conto corrente sul quale mettere i 2000 euro e poi associare il conto a:

  • Buono fruttifero: questo tipo di buono consente un guadagno pari allo 0,30% annuo lordo. La scadenza può essere prorogata a 20 anni, ampliando così il margine di guadagno;
  • Obbligazioni: anche in questo caso acquistando obbligazioni si ha diritto a una percentuale di guadagno sul capitale investito (per conoscere le percentuali di guadagno è necessario recarsi in filiale).

Micro business

Aprire una piccola attività con pochi fondi (2000 euro, ad esempio), consente di ottenere una buona possibilità di guadagno sul medio-lungo termine.

Naturalmente occorre avere un’idea di partenza sulla quale investire il capitale a disposizione. I settori di riferimento per aprire una propria attività sono:

  • E-commerce;
  • Piattaforme specializzate nell’offerta di servizi;
  • Siti web per sponsorizzare grandi piattaforme;
  • Rivendita di prodotti;
  • Blog.

Crowdfunding

Investire nel crowdfunding consente di ottenere una percentuale di guadagno – cosiddetta percentuale di resa – finanziando un’impresa altrui. Esistono numerose tipologie di crowdfunding, più o meno redditizie:

  • Crowdfunding immobiliare: l’investitore riceve percentuali variabili in base ai progetti edilizi;
  • Crowdfunding a prestito: utilizzato spesso in ambito di start-up; l’investitore riceve tassi di interesse attivi a fronte dei prestiti erogati; 
  • Reward Crowdfunding: resa del prestito sotto forma di premi;
  • Equity Crowdfunding: l’investitore, mettendo a disposizione la propria somma (quota) entra direttamente a far parte della società.