Azioni Ferrari 2022: grafico, quotazione e previsioni

Investire in azioni Ferrari nel 2022 può essere una buona idea? Ricordiamo che Ferrari, marchio automobilistico storico italiano, è approdato a Wall Street da ottobre 2015 e da gennaio di quest’anno è stato quotato anche sul mercato italiano. Purtroppo il periodo non è stato ideale, in quanto caratterizzato da una netta svalutazione di tutti i titoli quotati durato circa un mese e mezzo, periodo in cui le azioni Ferrari attestate in collocazione tra i 48 e i 52 euro sono arrivate a toccare quota 30 euro. Il titolo ora si è rialzato, ma vediamo insieme se conviene o meno investire e per quali ragioni.

>>> CLICCA QUI E INVESTI IN AZIONI FERRARI CON 24OPTION <<<

Azioni Ferrari, previsioni 2022

Il titolo Ferrari, partito molto bene proprio in seguito alla collocazioni in borsa, che aveva permesso al titolo di raggiungere quotazioni di 60 euro, ha subito poi un brusco rallentamento causato non solo dal periodo non felice delle borse mondiali, ma anche dal non esaltante esercizio 2015, il cui ultimo trimestre è stato completamente negativo. In questo periodo abbiamo potuto vedere un calo del 30% dei profitti della casa di Maranello. Il primo trimestre, invece, si è dimostrato più che positivo contro ogni aspettativa, addirittura può essere tranquillamente considerato il migliore di sempre della casa guidata da Marchionne. Il tutto collegato alla commercializzazione di nuovi tipi di auto che ha portato ad un aumento di tutti i principali fattori di bilancio, portando quindi ad alzare anche le previsioni per il 2022 che all’inizio dell’anno non erano affatto rosee.

Il futuro delle azioni Ferrari non è però legato ad oggi solo alle vendite di auto, in quanto il titolo è stato collocato come brand di lusso e nei piani di Marchionne, Ferrari dovrebbe diventare sinonimo appunto di lusso. E questo può accadere se oltre alla auto di riuscirà davvero a collocare tutti gli altri prodotti che rappresentano il brand, come blazer e pantaloni col simbolo del cavallino e prezzi esorbitanti. Impresa molto ardua.

Conviene investire in azioni Ferrari nel 2022?

Il buon recupero del titolo a partire da febbraio fa ben sperare per il proseguo dell’anno, essendosi ad oggi le azioni attestate su cifre intorno ai 40 euro (per la precisione in data 8 luglio il titolo aveva raggiunto i 37,55 euro avendo fatto registrare un incremento del 4,74%). Da considerare anche le previsione fatte dall’ad di FCA che prevede di arrivare a superare le 9000 unità di auto vendute entro il 2022 (ad oggi siamo a 7700), nonché quanto detto precedentemente, ovvero che il marchio si sta espandendo verso altri e diversi segmenti di mercato che non riguardano l’automobile. Da tenere in forte considerazione il fatto che Ferrari è senza ombra di dubbio uno dei marchi più solidi e resistenti anche in caso di crisi, come accaduto nel 2008, periodo in cui tutti i suoi concorrenti hanno subito perdite elevate, mentre la casa di Maranello può vantare una perdita di un misero 5%.

Da considerare che alla collocazione molti esperti hanno ritenuto eccessiva la quotazione di entrata del titolo, eccessivo sia per un marchio del settore automobilistico, sia per un brand del lusso. Tutti fattori eccessivamente aleatori per poter avere un’idea precisa sull’andamento delle quote, cose che rende un investimento in questo tipo di azioni sicuramente troppo rischioso per un investitore. Senza voler sottolineare il fatto che molti esperti ritengono che Marchionne abbia rifilato agli azionisti non un buon prodotto, anzi una bella patata bollente da gestire.

Investire in azioni Ferrari oggi è la miglior mossa consigliata dagli esperti: noi di 24Economia abbiamo testato 24Option, il sito di investimenti più sicuro in Italia che concede agli utenti un bonus di benvenuto.

>>> 24OPTION SITO UFFICIALE: CLICCA QUI E INVESTI IN AZIONI FERRARI SENZA COMMISSIONI <<<

Azioni Ferrari: Grafico e quotazione attuale

Grafico Azioni Ferrari

Vediamo nel grafico l’andamento attuale della quotazione del titolo Ferrari e l’attuale valore di mercato delle azioni possedute dagli investitori.