Conto Corrente BancoPosta Click 2022: alternative, costi e imposta di bollo

Tra le tipologie di conto corrente proposte da Poste Italiane rientra BancoPosta Click 2022. Un conto corrente completamente online, e che proprio per questo permette al cliente di gestire il proprio rapporto in mobilità comodamente dal proprio salotto di casa. Tramite la propria area clienti è infatti possibile accedere ad una varietà di opzioni, tra cui la richiesta di servizi accessori, il pagamento di bollettini o bonifici o addirittura fare degli investimenti. Possibile inoltre attivare un servizio di alert via SMS.

BancoPosta Click, costi e imposta di bollo

Vediamo nel dettaglio come è strutturato questo conto corrente online di BancoPosta, definito nelle pubblicità che lo propongono a zero spese. In effetti dalle condizioni contrattuali è possibile vedere come non siano contemplati costi fissi di gestione del conto, che è accessibile non solo da PC, ma anche da smartphone e tablet. Sia il canone annuo del conto che quello della carta BancoPosta Click è pari a zero. Attraverso l’area clienti è possibile visionare in qualunque momento il saldo e i movimenti del conto, effettuare ricariche telefoniche, fare bonifici o postagiri (giroconto con un altro conto Poste Italiane), addebitare le bollette e anche sottoscrivere Buoni Fruttiferi Postali.

Per utilizzare il conto in  mobilità c’è la APP Poste Mobile (qualcosa di molto simile a quella presentata per il conto youbanking) che permette di effettuare anche operazioni dispositive e per avere contezza dei movimenti del conto è possibile attivare SIMply Banco Posta, servizio di SMS che avvisa dei movimenti del conto. Per coloro che hanno diffidenza nei confronti dei servizi online e della loro sicurezza, sottolineiamo che questo conto prevede due sistemi di sicurezza, il Lettore BancoPosta con Postamat a microchip e PosteID tramite il quale, utilizzando un codice prescelto, si autorizzano le operazioni. Gli unici costi previsti riguardano il canone annuo di eventuali carte di credito richieste, l’eventuale richiesta di invio di estratti conto cartacei (costo di 2 euro), i prelievi da sportelli non Postamat (costo 1,75 euro a prelievo) e le operazioni effettuate allo sportello invece che online (ad esempio un bonifico fatto in posta costa 3,50 euro).

Per quanto riguarda l’imposta di bollo, di cui spesso si sente parlare e che non sempre si sa se dovuta o meno, chiariamo che è una tassa e come tale dovuta in base alle leggi vigenti. Per quanto riguarda i conti corrente, come quello di cui stiamo parlando, non è dovuta se ci sono depositati capitali inferiori ai 5 mila euro, altrimenti è dovuta per 34,20 euro annui. Nel computo vanno sommati eventuali prodotti uguali detenuti nello stesso istituto (ad esempio se avete due diversi conti corrente in posta vale la somma dei due, se non supera i 5 mila euro non dovete nulla). Nel caso in cui l’imposta sia dovuta, viene trattenuta in automatico dal saldo del conto corrente.

Alternative al Conto Corrente BancoPosta Click 2022

Il conto corrente BancoPosta Click non è più sottoscrivibile a partire dall’1 gennaio 2016. Attualmente infatti Poste Italiane propone ai suoi clienti una sola tipologia di conto corrente che mette insieme le caratteristiche di un classico conto corrente, con le esigenze di coloro che vogliono gestire il proprio conto in mobilità senza fare file alla posta. Infatti il conto BancoPosta Più (di cui vi abbiamo parlato dettagliatamente in un altro articolo precedente) permette di azzerare il canone annuo a determinate condizioni e di accedere gratuitamente all’Internet Banking (BancoPosta Online) e anche al Phone Banking (Pronto BancoPosta). Come BancoPosta Click permette di avere estratto conto online gratuito (trimestrale o annuale), di attivare tutte le opzioni aggiuntive effettuabili sia online che allo sportello e anche di avere la carta Postamat, tutto compreso nel canone mensile di 4 euro.