Azioni Banca IFIS 2020: come acquistare, analisi andamento, previsioni e quotazione

Banca IFIS è un gruppo bancario specializzato e diversificato che presenta un posizionamento competitivo nei settori di mercato del panorama italiano. La solidità dell’istituto ha portato l’affermazione del gruppo in Piazza Affari nel 2003 con il 50,4% del titolo detenuto dalla famiglia fondatrice Furstenberg e il restante 49,6% suddiviso tra investitori privati e istituzionali. Oggi analizzeremo proprio le azioni della Banca IFIS scoprendone la quotazione, l’andamento nel tempo, le previsioni per il futuro e come acquistarle nel 2020.

Quotazione e analisi andamento Azioni Banca IFIS 2020

La posizione della Banca IFIS è stata consolidata nel 2019 con 1.539 milioni di euro di patrimonio netto del gruppo, 558,3 milioni di NBI, 123,1 milioni di utile netto consolidato e un risultato netto della gestione finanziaria di 471.150. Queste cifre come si traducono in termini di quotazione in Borsa del titolo IFIS? Attualmente il valore delle azioni si attesta a 9,155 euro con un vigoroso rialzo per l’istituto con sede a Venezia rispetto alla chiusura precedente. La partenza nella giornata in cui l’articolo viene scritto si è mostrata rosea per il titolo per poi crescere nel corso della giornata finanziaria. Si è assistito, dunque, ad un’inversione di tendenza che non ha confermato il trend ribassista di breve avviato nella sessione precedente ma ha fatto registrare un saldo positivo del 1,14%. La giornata favorevole potrebbe essere l’avvio di un andamento di performance positive ma per il momento sia il massimo che il minimo registrati nell’ultima giornata risultano inclusi nell’intervallo stabilito nella giornata precedente stabilendo una pausa nella direzione del trend. Per quanto riguarda le performance relative all’indice FTSE Italia All-Share si è registrata una variazione positiva pari al 2,62% rispetto alla giornata appena trascorsa mentre il saldo delle ultime due sedute risulta peggiore rispetto a quello registrato nella settimana. I volumi sono pari a 125,941 pezzi scambiati, valore inferiore alla media giornaliera e settimanale e sono indice di un interesse decrescente degli operatori. Di conseguenza la volatilità potrebbe ridursi anche se, per ora, risulta essere di 2,602 segnalando una elevata rischiosità che identifica il titolo Banca IFIS come obiettivo di speculatori esperti, amanti del rischio e degli alti guadagni.

Per comprendere a fondo un titolo occorre non solo soffermarsi sulla quotazione attuale ma valutare l’andamento nel tempo delle azioni per capire come il titolo stesso affronta le dinamiche del mercato. Valutando le performance dell’ultimo mese, degli ultimi sei mesi e dell’ultimo anno si legge un andamento in negativo dato che risultano essere rispettivamente di -5,33%, -34,89% e -31,93%. Il valore delle azioni nel 2019 ha raggiunto e superato i 15,00 euro per poi crollare durante il lockdown causato dalla pandemia che ha colpito il 2020. Durante la primavera dell’anno in corso il prezzo del titolo è sceso fino a 7,28 ma poi ha ricominciato a riprendersi con lievi rialzi che lo hanno portato al valore attuale. Sta pian piano dimostrando di saper reagire ad un periodo difficile ma dovrà attirare molti più compratori per riuscire ad affermarsi nuovamente sul mercato tirandosi fuori dai titoli sottovalutati.

Lo storico mostra come l’andamento delle azioni sia decisamente altalenante nel tempo. Negli ultimi cinque anni si sono alternati periodi di rialzi e di ribassi con picchi anche molto elevati in salita (47,33 nell’ottobre del 2017) che il gruppo non è riuscito a mantenere. Il punto debole della Banca IFIS viene riscontrato dagli analisti nella lenta crescita delle vendite. Le stime delle entrate sono costantemente identificate al ribasso sia per i prossimi mesi che per gli anni successivi e nell’ultimo anno si sono dovute ridimensionare le aspettative di fatturato con la conseguenza di una diminuzione del volume di vendite. Attualmente, i volumi giornalieri sono sotto tono, 125.941, inferiori alla media mobile dei volumi ad un mese pari a 260.688, dati che sembrerebbero confermare le ipotesi ribassiste degli analisti.

Non tutti gli esperti di settore, però, concordano con la conclusione ribassista. La distribuzione di un ottimo dividendo, il valore della società ed altri piccoli dettagli non escludono, infatti, la possibilità di una seria inversione di tendenza che possa far salire nettamente le quotazioni delle azioni Banca IFIS. Gli speculatori più intrepidi, dunque, potrebbero inserire il titolo nel loro portafoglio puntando sulla forza del Gruppo e sulle carte che questo potrebbe giocare in termini di nuove acquisizioni e operazioni mirate. Ricordiamo che il Gruppo ha solo momentaneamente sospeso gli obiettivi economici e finanziari inclusi in un ampio piano industriale 2020/2022 in attesa di una stabilizzazione del contesto macroeconomico. Tali obiettivi sono pronti per essere rivisti e aggiornati in modo tale da dare una forte spinta al titolo e alla sua quotazione.

Attualmente, dunque, l’acquisto delle azioni Banca IFIS è consigliato solo agli investitori amanti del rischio e disposti a perdere una parte di capitale. In alternativa è possibile “giocare” ad investire in maniera differente, non acquistando il titolo in Borsa ma optando per il trading online che consente di puntare sia per un rialzo che per un ribasso della quotazione delle azioni del Gruppo. Vediamo come procedere per tentare di guadagnare con Banca IFIS.

Come acquistare e investire in azioni Banca IFIS nel 2020

I risparmiatori italiani vedono nell’acquisto di azioni in Borsa una delle operazioni più proficue per far crescere i propri guadagni pensando di investire in titoli con rischio basso per ottenere profitti facili. La realtà è diversa dato che la possibilità di perdere il proprio capitale nel mondo finanziario è decisamente elevata per l’imprevidibilità dei mercati e degli andamenti delle azioni. Un primo consiglio che l’investitore alle prime armi deve seguire riguarda la diversificazione del portafoglio in modo tale da investire i soldi in modi differenti rischiando una minore perdita di capitale qualora si scelga un investimento sbagliato. In un portafoglio vario si possono inserire azioni più rischiose come quelle della Banca IFIS bilanciando tale rischio con titoli, materie prime e beni rifugio dalla rischiosità minima.

L’investimento “tradizionale” prevede l’acquisto del titolo in Borsa nel momento in cui il prezzo è basso per rivenderlo poi nel momento in cui cresce il valore in modo tale da ottenere un guadagno. Ipotizzando un trend rialzista di Banca IFIS si potrebbe seguire questa linea ed aspettare di vendere l’andamento. L’attesa, però, potrebbe rivelarsi anche molto lunga e non è detto che si possano ottenere i guadagni desiderati. Occorre sapere, quindi, che esistono altre possibilità di investire nelle azioni del Gruppo come la vendita allo scoperto. Parliamo dell’opportunità di vendere un’azione che effettivamente non si possiede riuscendo a trarre profitto dal trend ribassista del titolo. Per approfittarne si potranno utilizzare le piattaforme di broker online che consentono di guadagnare sempre, sia se il valore scende sia se il valore sale. Tutto sta nello stimare la giusta previsione nel brevissimo periodo e puntare al rialzo o al ribasso. Il guadagno per l’acquisto del titolo Banca IFIS risulta possibile, dunque, scegliendo la giusta piattaforma in cui investire il proprio capitale. Il broker ideale dovrà rivelarsi affidabile e sicuro rispettando le direttive imposte dalle autorità competenti di vigilanza, sarà gratuito e privo di commissioni che interferiscono con l’operato di chi ha un piccolo capitale per iniziare a fare trading online e sarà semplice da utilizzare in modo tale che anche un principiante riesca a muoversi facilmente sulla piattaforma. Fortunatamente, sul web è possibile trovare più broker che soddisfano queste caratteristiche e che potranno rivelarsi la soluzione ottimale per investire nelle azioni Banca IFIS.

I trader principianti possono prendere come riferimento eToro, la piattaforma che prevede un deposito minimo di 200,00 euro, con licenza Cysec, un’interfaccia semplice ed intuitiva e la possibilità di sfruttare vari servizi come il conto demo che permette di fare pratica nel mondo degli investimenti con soldi virtuali e il copy trading che consente di “imitare” le azioni dei trader esperti con un semplice clic. E’ una soluzione adatta ai principianti dato che facilita l’individuazione degli investitori che in passato hanno ottenuto alti profitti con il minore rischio che potranno essere copiati immediatamente con una replica automatica delle operazioni che verranno fatte sul mercato dal trader scelto.

Iq Option è la piattaforma ideale per chi desidera iniziare a speculare con una cifra irrisoria come 10,00 euro e approfittare della demo gratuita illimitata il cui utilizzo è fondamentale per chi si avvicina per la prima volta al trading online. Con il conto demo si potranno provare strategie e capire le dinamiche del mercato finanziario per prepararsi ad affrontare la realtà con maggiore consapevolezza. Altre scelte per acquistare azioni Banca IFIS sono 24Option e Plus500, broker altrettanto sicuri ed affidabili rispetto a quelli già citati e adatti sia ai trader principianti che ad investitori più esperti. Non vi rimane altro che trovare il vostro broker preferito ed iniziare la speculazione sulle azioni Banca IFIS.