Quotazione Ferro Vecchio 2020: come sapere il prezzo al Kg di oggi in tempo reale, valore storico e previsioni

Qual è il valore del ferro vecchio? La quotazione del ferro è una continua altalena di valori e una risposta univoca al quesito apripista dell’articolo non si può dare. Il prezzo del ferro dipende da vari fattori, come l’usura e il grado di purezza, e può essere difficile stimare un costo se non si conoscono le variabili e la loro influenza sulla quotazione finale. Ecco perché è fondamentale approfondire la conoscenza con le dinamiche influenti sul ferro per non rischiare di essere raggirati nel momento in cui si decide di vendere del ferro vecchio che si ha a disposizione. Il guadagno potrebbe consentire di pagare una bolletta, di andare a cena in un ristorante di alto livello, di regalarsi quell’acquisto desiderato ma troppo costoso per un budget familiare. Non parliamo, dunque, di cifre esagerate ma di un riscontro comunque interessante per cui vale la pena di indagare meglio sulle modalità per sapere il prezzo al kg di oggi, in tempo reale, del ferro vecchio. Per svolgere accuratamente l’indagine in questione analizzeremo, poi, il valore storico e le previsioni relative all’andamento futuro della quotazione del metallo.

Come sapere la quotazione del ferro vecchio nel 2020, oggi in tempo reale

Il ferro vecchio è un metallo protagonista di un mercato non vasto come quello dei titoli, dell’oro o delle criptovalute ma comunque apprezzato da molte persone che desiderano ottenere un guadagno extra dallo stipendio abituale. La quotazione relativa al metallo in questione è difficile da identificare dato che il valore oscilla continuamente e dipende da fattori specifici che renderanno ogni oggetto di ferro differente da un altro. Un primo aspetto che influisce sulla quotazione in tempo reale del ferro vecchio è la reale quantità di metallo presente nel prodotto da vendere. Più il ferro è puro, maggiore sarà il valore ma occorre considerare che in molti casi è possibile che non sia tutto ferro ciò che si vede ma un misto di acciaio o plastica, elementi che influirebbero negativamente sulla quotazione. Trattandosi, poi, di ferro vecchio, l’oggetto da rivendere sarà già non considerato puro al 100% e il valore diminuirà consentendo un guadagno minimo.

Sulla quotazione del ferro influirà, inoltre, la quantità di metallo che si ha a disposizione e si intende rivendere. Occorre precisare al riguardo che il ferro vecchio viene pagato al chilo tenendo conto di una quotazione in tempo reale in tonnellate fornita dalla più grande e importante Borsa dei metalli, la London Metal Exchange. Questa Borsa stabilisce il prezzo di oggi in base alla classica formula della domanda e dell’offerta ma in riferimento al ferro puro. Il ferro vecchio, dunque, subirà un deprezzamento e una svalutazione rispetto alla quotazione stabilita dalla London Metal Exchange anche perché è molto diffuso. La quotazione in tempo reale stabilisce un valore del ferro inferiore ai 200,00 euro a tonnellata ma, come già detto, le oscillazioni sono frequenti e il prezzo è in continuo cambiamento. Per quanto possano esserci rialzi e ribassi, capiamo dalla quotazione fornita oggi che per ottenere un guadagno rilevante occorrerà avere a disposizione una grande quantità di ferro vecchio che sia in ottimo stato e, soprattutto, il più vicino possibile alla purezza.

Per poter sapere il costo del metallo vecchio oggi, è consigliabile affidarsi a ditte specializzate che comprano il ferro per poi rivenderlo alle imprese edili (tra i primi consumatori di ferro). Dato che la loro attività si basa proprio sull’acquisto del metallo sarà di primaria importanza considerare la purezza e la quantità e fornire una quotazione il più possibile soddisfacente per il cliente in modo tale da spiazzare la concorrenza in un mondo difficile come quello degli affari. Una comparazione tra varie proposte, naturalmente, sarà la strada migliore da percorrere per conoscere la quotazione in tempo reale del ferro vecchio che si ha a disposizione e che si intende rivendere. E’ possibile, poi, rivolgersi a persone private che girano porta a porta e raccolgono il metallo su camioncini per poi rivenderlo dopo averne accumulato una quantità importante. Forniranno una quotazione valutando la purezza del materiale e affidandosi al mercato e all’esperienza di chi compra e vende il ferro quotidianamente.

Un’altra soluzione per sapere la quotazione in tempo reale del ferro vecchio prende in considerazione il web e le mille opportunità che offre. Internet, infatti, consente di visitare i portali di più rivenditori di ferro usato che basano la propria attività sulla compravendita dei metalli, tra cui il ferro. E’ consigliabile rivolgersi ai siti specializzati che si offrono per l’acquisto di ogni rottame, dalla tornitura di ferro al ferro pesante, dal lamierino ai fondelli, dalle scocche delle auto ai ritagli fino alla forgia, le bave e gli scarti di tranciatura. L’iniziale richiesta di una quotazione potrà, in molti, casi avvenire direttamente online per poi ottenere un riscontro con un incontro di persona e una valutazione fisica dell’oggetto in vendita. Le domande di ferro sul web sono numerose dato che il metallo viene sempre più recuperato per essere riciclato e riutilizzato soprattutto con leghe di acciaio e ghisa per ridurre l’impatto ambientale. Ciò significa che si potranno ottenere un gran numero di quotazioni in tempo reale del ferro vecchio che potranno essere comparate per ottenere il guadagno maggiore.

Discorso diverso per le common stock del ferro, azioni ordinarie quotate in borsa il cui valore si attesta, nel momento in cui l’articolo viene scritto, sui 14,35 euro con un rialzo di poco superiore all’1% rispetto all’ultima chiusura. Scoprire il valore in tempo reale in questo caso risulterà molto più semplice grazie ai grafici e alle analisi tecniche proposte su diversi portali finanziari. Differente è anche la modalità di guadagno e di investimento sul metallo in questione ma studiarne l’andamento può rivelarsi utile per determinare la quotazione del ferro vecchio e per effettuare previsioni per il valore futuro.

Valore storico del ferro vecchio e previsioni per il futuro

In un quadro generale, il trend è ribassista sia per le azioni del ferro che per la vendita di oggetti di ferro vecchio ritrovati in una soffitta o accumulati in seguito ad una ristrutturazione. La volatilità giornaliera è molto elevata mentre i volumi giornalieri si mantengono sotto controllo. Il ferro fa parte di un mercato di commodities non energetiche il cui valore è determinato, come già accennato, dalla domanda e dall’offerta. La domanda è legata in prevalenza al settore edile e dell’industria pesante e, in misura minora ma ugualmente importante, ai paesi in via di sviluppo il cui consumo del metallo è in continuo aumento. Per quanto riguarda l’offerta se da un lato occorre considerare la rilevanza dei rottami di ferro vecchio utilizzati per il riciclo dall’altro bisogna tener conto dei giacimenti in funzione e quelli appena scoperti. La chiusura di un giacimento, per esempio, scatena un ribasso del prezzo che va ad incidere nettamente sull’andamento della quotazione del ferro.

Le decisioni politiche che sembrerebbero avulse rispetto all’economia reale possono, poi, incidere sul prezzo del metallo causando ulteriori variazioni di quotazione che andrebbero a spiegare ulteriormente le forti oscillazioni di prezzo che emergono chiaramente dall’analisi del valore storico del ferro. In più, l’altalena di valori rende più difficile la possibilità di effettuare previsioni precise sul futuro andamento del ferro e, di conseguenza, non permette di ipotizzare una vendita migliore oggi o domani. Se fino a pochi mesi fa gli esperti analisti ipotizzavano un trend ribassista per tutto il 2020 ora le aspettative sono cambiate e alcuni commenti hanno lasciato intendere una possibilità rialzista per l’anno in corso. L’andamento dell’economia globale, l’influenza della Cina, la speculazione sono tutte variabili da considerare per stabilire trend futuri dei valori del ferro e dedurre, così, possibili quotazioni del ferro vecchio. Naturalmente acquistare azioni è ben diverso che vendere rottami di ferro trovati casualmente in cantina o accumulati dopo aver fatto pulizia di oggetti datati. Il ferro ha una quotazione differente a seconda che si parli di titoli, ferro puro oppure di ferro vecchio, legato ad altri metalli e materiali. Inoltre, i valori presentano decise oscillazioni dipendenti dalla domanda e dall’offerta che rendono ancora più complicato stabilire la quotazione in tempo reale del ferro vecchio ma soprattutto ipotizzare una previsione futura. Nel lungo periodo, invece, le previsioni sul rottame sono rosee dato che si ipotizza ne servirà molto di più per l’aumento del riciclo del ferro, fondamentale per un’ottica strategica nell’ambito dello sviluppo di una economia circolare. Con il riciclo del ferro vecchio si potrà produrre acciaio con un risparmio del 74% di energia, del 90% di materie prime vergini e del 40% di acqua rispetto ad una produzione di acciaio con il ciclo integrale. La domanda salirà, dunque, ma anche l’offerta risulterà maggiore secondo molte previsioni. Attualmente la disponibilità dei rottami è di circa 700 milioni di tonnellate, nel 2030 si ipotizza essere di 1.100 milioni di tonnellate. In Italia il trend è stato opposto (almeno fino al 2018) con una diminuzione della domanda di rottami. Nel 2019, poi, l’ansia da approvvigionamento cinese riguardante alcuni blocchi produttivi di specifici minerali ha causato una paura diffusa su una possibile contrazione dell’offerta portando ad un aumento della richiesta e, di conseguenza, dei prezzi. Ad oggi, il valore dei rottami risulta stabile anche se date le prestazioni del rottame turco degli ultimi tempi si è arrivati ad ipotizzare quella crescita prima accennata della quotazione del ferro vecchio nel corso del 2020.