Prestiti PostePay Evolution 2020: come richiedere online, opinioni, tassi e requisiti

I prestiti personali Postepay Evolution sono un mezzo per ottenere piccoli finanziamenti e restituirli in modo veloce e senza gravare troppo sul bilancio familiare. Vediamo insieme, quindi, quali sono le opinioni correnti, i tassi e i requisiti per richiederli.

Prestiti PostePay Evolution 2020: come richiedere online e requisiti

>>> CLICCA QUI E FAI UN PREVENTIVO GRATIS DEI MIGLIORI PRESTITI ONLINE <<<

Vediamo subito quali sono i requisiti minimi per richiedere un finanziamento alle Poste con la PostePay Evolution. Il primo fattore che si deve considerare è l’età anagrafica: si partirà, infatti, da un minimo di 18 anni (la maggiore età) a un massimo di 70. Oltre i 70 anni, quindi, non sarà possibile richiedere alcun finanziamento. In secondo luogo bisognerà esibire presso l’ufficio ostale un documento d’identità valido come carta d’identità, patente, passaporto o porto d’armi e la tessera sanitaria. Quest’ultima ha sostituito definitivamente il codice fiscale. Come ultimo requisito utile bisognerà esibire un documento che attesti che il soggetto in questione produce reddito. Nello specifico servirà la dichiarazione dei redditi, il CUD o, a seconda dei casi, la pensione.

Per farlo, comunque, bisognerà recarsi fisicamente presso l’ufficio postale e presentare tutta la documentazione sopra indicata, specificando di preferire un addebito su PostePay anziché quanto avviene normalmente con il prestito BancoPosta. Almeno al momento non è ancora prevista la procedura online che permette di scannerizzare i documenti e inviare il tutto direttamente via web. Pazientate, dunque: siamo convinti che a breve anche Poste Italiane metterà a disposizione questo servizio. E se si è stranieri quale documentazione bisogna rendere nota a terzi? Molto semplice. Basterà presentare all’ufficio postale il permesso di soggiorno, il passaporto e un documento che dimostri che si lavora in Italia da almeno 12 mesi.

La PostePay Evolution è, come dice la parola stessa, una evoluzione della vecchia PostePay. Grazie ad essa, il cliente non avrà più in mano una carta prepagata ma si potrà avere lo stipendio accreditato, si potranno avere e fare bonifici, domiciliare le utenze e tutta una serie di agevolazioni utilissime nella vita di tutti i giorni. Accanto a tutte queste agevolazioni, c’è anche la possibilità di ricevere bonifici.

Opinioni e tassi dei prestiti personali PostePay Evolution di Poste Italiane – BancoPosta

Naturalmente un sistema particolarmente efficace come quello dei prestiti PostePay Evolution ha riscosso dei pareri e delle opinioni particolarmente positivi. Il primo aspetto che colpisce i normali consumatori è che la Evolution permette di avere piccoli prestiti in pochissimo tempo e con interessi molto bassi. Questo è un fattore estremamente utile se si deve far fronte a piccole spese come un viaggio di piacere, una piccola ristrutturazione di casa o l’acquisto di una macchina usata dal basso prezzo.

La PostePay Evolution prevede, infatti, l’erogazione di un prestito minimo pari a 750 euro mensile, restituibile in un periodo massimo di 15 mesi. Questa come cifra minima. Naturalmente, si può chiedere anche qualcosa in più come, ad esempio, 1.000,00 euro da restituire in un periodo di 20 mesi. Se si desidera ancora qualcosa in più, il privato cittadino potrà ambire ad avere anche 1.500,00 euro. In questo caso, il periodo massimo per restituire l’intera cifra sarà di 24 mesi.

>>> MIGLIOR PRESTITO PERSONALE: CLICCA QUI E CALCOLA GRATIS LA RATA ONLINE <<<

Altro punto decisamente a favore della PostePay Evolution sono le modalità di rimborso del finanziamento. La somma richiesta, infatti, sarà erogata in pochissimo tempo da Poste Italiane, e sarà immediatamente disponibile sulla carta di credito. In maniera analoga, il finanziato potrà restituire la somma direttamente facendola prelevare mensilmente dalla medesima carta di credito. Questo è un grande vantaggio perché permette di semplificare notevolmente l’iter burocratico relativo alla restituzione del prestito.

Il cittadino eviterà di ricevere bollettini mese dopo mese a casa e di fare interminabili ore di fila per poter pagare la rata mensile. Non solo, in questo modo, dovrà sborsare anche le relative commissioni, oltre che i tassi di interesse. Quest’ultimi sono fra i migliori del settore, essendo a tasso fisso ed estremamente concorrenziali.

Mini Prestito Postepay Evolution: come funziona

Il Prestito PostePay Evolution è la soluzione ideale per tutti coloro che necessitano di una somma di denaro non decisamente alta. In particolare, si tratta di un prestito rivolto a tutti i soggetti che posseggono una carta PostePay Evolution che viene emessa da parte di Poste Italiane. Tra i vari requisiti necessari per poter ottenere questi mini prestiti c’è anche quello relativo all’età. In particolar modo, questo finanziamento è rivolto a tutte le persone con una età compresa tra i diciotto e i settantasei anni non compiuti al termine del rimborso. Inoltre, un altro fattore da tenere in considerazione è che possono richiedere questo finanziamento tutti i residenti in Italia, che devono essere in grado di dimostrare di possedere un reddito di lavoro prodotto sul territorio (uno stipendio o una pensione). Per poter richiedere un mini prestito PostePay Evolution è necessario presentare una specifica documentazione. In primo luogo, un documento di identità in corso di validità, ma anche un documento di reddito e la Tessera Sanitaria. Quella descritta finora è la documentazione che viene richiesta ai cittadini italiani. Per quelli stranieri, invece, sono richiesti un passaporto (in aggiunta a qualsiasi altro documento di identità che viene presentato), una Carta di Soggiorno o un Permesso di Soggiorno in corso di validità. Ma non solo. I cittadini stranieri, per poter ottenere il Prestito PostePay Evolution dovranno presentare pure un documento attestante che si è residenti in Italia da almeno dodici mesi per quanto riguarda i lavoratori dipendenti. Se invece si tratta di un lavoratore autonomo, invece, deve essere residente in Italiano da almeno trentasei mesi. Infine, è richiesta anche una dichiarazione che attesti che si lavora in maniera continuativa da almeno dodici mesi da uno stesso datore di lavoro.

Per poter richiedere un Prestito PostePay Evolution è necessario recarsi in una qualsiasi filiale di Poste Italiane. Attraverso il sito internet, si può facilmente fissare un appuntamento, in modo tale da poter decider con tranquillità il giorno e l’orario più comodi per poter presentare la domanda. Per chi non possiede internet, invece, c’è comunque la possibilità di prenotare un appuntamento, semplicemente chiamando il numero gratuito 800003322. In questo modo, possono essere evitate le interminabili file agli sportelli. Una volta che si è fissato l’appuntamento, non bisogna fare altro che recarsi nella filiale prescelta nel giorno e nell’ora stabiliti in precedenza. A questo punto si può procedere con un colloquio con un consulente, che illustrerà al cliente tutte le migliori offerte, mettendo a disposizione anche un preventivo del tutto gratuito. In questo modo, si ha la possibilità di farsi una idea sulla spesa da affrontare e sull’ammontare di ogni rata da pagare mensilmente. Infine, la richiesta di un Prestito PostePay Evolution può essere completata compilando un modulo che verrà presentato dal consulente stesso. Se non si presenteranno dei particolari problemi, ci vorranno solamente poche ore per poter vedere la somma di denaro richiesta venire accreditata sulla carta PostePay Evolution, in modo tale da poter essere utilizzata praticamente fin da subito, sia online che in un negozio fisico.

Prestito Personale PostePay Evolution da 3000 mila euro: preventivo

Il Prestito Personale PostePay fornisce a tutti la possibilità di scegliere fra tre diverse fasce. Entrando maggiormente nello specifico, i tagli a disposizione sono da mille, duemila fino a tremila euro. Per tutti e tre gli importi, la durata del prestito non cambia, ma è sempre fissa. Ovvero ventidue mesi. Il rimborso delle varie rate è mensile e avviene in particolare attraverso l’addebito diretto sulla Carta PostePay Evolution oppure sul Conto Corrente BancoPosta (anche se comunque non vi è alcun obbligo ad aprirlo). Non sarà invece possibile l’importo della rata tramite bollettini postali. Il fatto che la rata da pagare sia fissa e che venga addebitata direttamente rappresenta senza dubbio un vantaggio, in quanto non ci si deve preoccupare ogni volta di pagare entro una data di scadenza: il tutto, infatti, verrà effettuato in maniera automatica. Le rate verranno dunque detratte il 15 o il 30 di ogni mese. Non è prevista alcuna commissione se si dovesse decidere di saldare il debito prima della scadenza stabilita. Inoltre, esattamente come qualsiasi altro finanziamento, in caso di ripensamenti si ha il diritto di recesso entro il quattordicesimo giorno dalla data di erogazione del prestito. L’estinzione del prestito può essere tranquillamente eseguito in una qualsiasi ufficio postale abilitato al servizio.

Come già accennato in precedenza, sono tre i differenti tagli di prestito richiedibili da un consumatore: da mille, duemila o tre mila euro. Una delle caratteristiche di questi mini prestiti è la durata unica per ciascun taglio. La fascia da mille euro presuppone una rata fissa mensile pari a cinquanta euro. Il taglio da duemila euro, invece, presuppone il pagamento di una rata mensile fissa di cento euro e infine quella da tremila euro presuppone una rata mensile di centocinquanta euro. Il rimborso dunque è relativamente leggero, in quanto le somme di cinquanta, cento e centocinquanta euro sono abbastanza abbordabili per chiunque. Una condizione necessaria affinchè il mini prestito venga concesso è che il richiedente sia in possesso di una carta PostePay Evolution, che richiede il pagamento di un canone di dieci euro all’anno. Per quanto riguarda i tassi di interessi: il Taeg di questo finanziamento è pari al 10,14%, una percentuale che di fatto può essere paragonato alla media dell’attuale mercato.

Il costo effettivo del mini prestito PostePay Evolution varia a seconda del taglio del finanziamento che si sceglie. Infatti, il costo effettivo è di cento euro nel caso di un mini prestito di mille euro. Importo che sale a duecento euro nel caso di un finanziamento da duemila euro e a trecento euro nel caso di un prestito di tremila euro. Nello specifico, nel primo caso (prestito di mille euro), la somma delle rate è pari a 1100 euro. Nel secondo caso (prestito da duemila euro), la somma delle rate è uguale a 2200 euro e infine nel terzo caso (prestito da tremila euro), la somma delle rate è di 3300 euro. Si può scegliere di richiedere questo particolare tipo di prestito per i motivi più disparati: per poter fare una vacanza, per rimediare ad una emergenza, per pagare una rata del mutuo e così via. In generale, infine, i tempi di erogazione di questi prestiti sono più bassi rispetto a quanto avviene per i normali prestiti personali.