Prestiti Dipendenti 2019: calcolo rata e preventivo lavoratori pubblici e privati

Vediamo quali sono le possibilità di prestiti per dipendenti disponibili in questo nuovo anno 2019 per ottenere liquidità, come e se è possibile il calcolo rata e ottenere un preventivo. In questo articolo vi faremo vedere le opportunità che esistono per i dipendenti, sia nel caso in cui siano lavoratori pubblici che privati. cercheremo di presentarvi soprattutto le migliori proposte fatte dai diversi enti a cui è possibile rivolgersi, ovvero finanziarie, banche oppure Poste Italiane.

>>> CLICCA QUI E SCOPRI I PRESTITI PER DIPENDENTI MIGLIORI <<<

Prestiti Dipendenti: offerta Findomestic

Findomestic, una delle più famose e conosciute società finanziarie italiane, con moltissimi filiali anche sul territorio oltre che un sito molto ben fatto, propone in questo momento un’offerta speciale a tutti coloro che necessitano di una liquidità per fronteggiare spese impreviste. Tale proposta è dedicata prevalentemente proprio ai dipendenti pubblici o privati. Findomestic propone la possibilità di avere dei tassi vantaggiosi, come ad esempio un TAN fisso del 6,29% e un TAEG fisso del 6,48%.

Nell’esempio riportato dalla società sul suo sito, grazie a tali tassi si possono richiedere 14 mila euro e restituirli in 96 rate mensili di 186 euro. Da quanto risulta non ci sono spese accessorie ed è possibile fare la richiesta completamente online grazie anche alla possibilità offerta da Findomestic della firma digitale. Tali finanziamenti prevedono anche alcune flessibilità come il cambio rata senza costi e il salto rata. Si possono richiedere cifre dai mille ai 60 mila euro. I requisiti da rispettare, oltre ad essere dipendenti pubblici o privati, sono avere un età tra i 18 e i 75 anni ed essere residenti in Italia. 

Prestiti Poste Italiane per Dipendenti

Poste Italiane, invece, propone ai dipendenti sia pubblici che privati un tipo di finanziamento chiamato Prestito BancoPosta. Questo tipo di prestito permette di richiedere cifre da 3 mila a 30 mila euro, che possono essere rimborsate in minimo 24 rate mensili e massimo 84. Nel momento in cui la pratica di finanziamento viene accettata da Poste Italiane, la liquidità può essere accreditata sul proprio conto corrente BancoPosta, oppure con accredito sulla PostePay Evolution, o addirittura chiedendo che la liquidità venga accreditata sul Libretto di Risparmio Postale Nominativo Ordinario (per coloro che sono già clienti delle Poste) oppure su un conto corrente di qualunque banca.

Poste Italiane permette anche di ritirare i soldi in contanti agli sportelli. I tassi di interesse applicati  a questa tipologia di prestito sono un TAN fisso del 7,90% e un TAEG massimo dell’ 8,26%. I tassi sono buoni e le flessibilità anche per cui non si può non ritenere un’ottima possibilità da prendere in considerazione.

Prestiti Intesa Sanpaolo per dipendenti

I dipendenti, sia del settore pubblico che privato, possono optare per una delle molte tipologie di prestito proposte da uno dei moltissimi gruppi bancari presenti in Italia, tra cui vi segnaliamo quella di Banca Intesa. Ricordiamo inoltre che nel caso un cui siate clienti della banca, molto spesso capita di poter sfruttare delle promozioni specifiche per voi. La proposta che ritentiamo doveroso presentarvi si chiama PerTe Prestito Facile.

>>> CLICCA QUI E FAI UN PREVENTIVO GRATUITO DEI PRESTITI PER DIPENDENTI <<<

Questa proposta permette di soddisfare diverse esigenze di liquidità che si possano avere e comprende la possibilità di richiedere il finanziamento direttamente online attraverso il sito della banca. In questo caso è possibile accedere al finanziamento anche se si è dipendenti con contratto a termine. La cifra massima richiedibile è 75 mila euro e la durata più lunga è 10 anni.

Sono contemplate alcune opzioni di flessibilità come il Posticipo Rate (sapendo che c’è un numero massimo di rate da poter posticipare e che coincidono col numero di anni del prestito meno 1). Possibile anche fare un preventivo personale direttamente online in base al proprio profilo, oppure ci si può rivolgere ad un consulente della banca. Tramite il sito è possibile, infatti, lasciare un recapito attraverso il quale si può essere contattati entro 48 ore.