Giacenza Media PayPal 2019: come calcolare la giacenza media annua su carta prepagata e conto

Perché c’è la necessità di capire come calcolare la giacenza media annua se si è in possesso del servizio di pagamento online PayPal e, di conseguenza di una carta prepagata e di un conto?

Per giacenza media si intende l’ammontare di denaro presente su un conto corrente o una carta prepagata in uno specifico lasso temporale. Il calcolo è necessario ai fini della Dichiarazione Sostitutiva Unica, il documento che contiene i dati anagrafici, patrimoniali e reddituali del nucleo familiare, che a sua volta serve per compilare il modello ISEE. L’indicatore della situazione economica equivalente viene richiesto nel momento in cui è necessario accedere alle agevolazioni previste in ambito assistenziale e di sostegno al reddito. La giacenza media, dunque, deve essere indicata per iscrivere i figli alla scuola materna, per pagare la mensa scolastica, per accedere a servizi di pubblica utilità con condizioni agevolate e per le tasse universitarie, tutte operazioni che prevedono la presentazione dell’ISEE. All’interno del modello è fondamentale inserire la giacenza media di un conto perché è indicativa della ricchezza di un nucleo familiare e concorrerà nel calcolo del patrimonio mobile.

Giacenza media annua conto PayPal 2019

E’ dal 2016 che l’utente è chiamato ad indicare, durante la compilazione del modello ISEE, non solo il saldo e la giacenza media del conto corrente bancario o postale ma anche la giacenza in uno specifico lasso di tempo sulle carte prepagate in possesso. Una prima distinzione prevede un comportamento differente per le carte con IBAN e quelle senza IBAN. Solamente chi possiede una prepagata dotata di IBAN e quindi di un conto assimilabile con quello bancario è chiamato a dichiarare il possesso e ad inserire la giacenza media tra il patrimonio mobile. Attenzione però! Il conto PayPal non rientra all’interno della giurisprudenza dei conti reali, trattandosi di un conto virtuale, perciò la componente patrimoniale ad essa relativa non deve essere dichiarata della Dichiarazione Sostitutiva Unica. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali identifica il conto PayPal unicamente come un metodo di pagamento da non inserire nel quadro FC2 indicatore del patrimonio mobiliare.

Discorso diverso per la Carta PayPal, considerata, come detto in precedenza, al pari di un conto bancario per via della presenza dell’IBAN e dunque documento da dichiarare. La carta PayPal, infatti, prevede la possibilità di scaricare l’estratto conto da cui estrapolare la giacenza media per il calcolo dell’ISEE. Non sapete come procedere? Stiamo per guidarvi passo dopo passo tra le operazioni da compiere per ottenere in pochi minuti la giacenza sulla propria carta PayPal.

Tutti i documenti ufficiali legati alla propria carta prepagata (documento di sintesi, estratto conto, giacenza media) sono visualizzabili e scaricabili dall’Area Riservata ai titolari della PayPal. Condizione primaria è l’accesso all’home banking, la cui procedura è stata semplificata notevolmente negli ultimi anni. Occorre essere in possesso del codice internet di 8 cifre, numerico, ricevuto tramite sms dopo l’acquisto della prepagata o dopo il primo accesso e della password, un pin di 4 cifre per le vecchie credenziali o la password di 8 caratteri scelta al primo accesso. Non siete in possesso delle credenziali richieste? Non preoccupatevi, seguendo semplici passaggi potrete ottenerle in poco tempo e attivare, così, l’home banking.

Il primo passo è connettersi alla pagina di accesso dell’home banking tramite il sito www.cartalis.it. In caso di primo accesso basterà selezionare “E’ il mio primo accesso”, inserire il codice internet e il codice Chapta che apparirà in una finestrella bianca. Qualora non si conoscesse il codice internet occorrerà cliccare la dicitura “Non ho il codice internet”. Si aprirà una schermata in cui basterà semplicemente inserire il codice di attivazione (parliamo del codice di 12 cifre presente sul retro della carta sotto al codice a barre), il codice fiscale del possessore della carta prepagata e il codice Chapta che apparirà. Confermando l’operazione si potranno ottenere le credenziali di accesso all’home banking della PayPal.

Come calcolare la giacenza media annua della carta prepagata PayPal

Nel momento in cui si avranno a disposizione le credenziali di accesso all’home banking basterà inserirle dove richiesto per accedere alle operazioni online. Dalla home page della schermata dell’area dispositiva della carta PayPal si potrà visualizzare la lista degli ultimi movimenti effettuati, conoscere il saldo accedendo al menu laterale e controllare i movimenti dei mesi precedenti oppure visualizzare e scaricare l’estratto conto. Per compiere quest’ultima operazione sarà necessario selezionare la voce “Archivio” e poi scegliere la dicitura “Carte di debito, credito e prepagate”. La schermata richiederà di indicare il periodo temporale di riferimento, 12 o 24 mesi sono i lassi di tempo consigliati, e la tipologia dei documenti ricercati (è possibile selezionare anche la ricerca di tutti i documenti disponibili).

Una volta identificato il documento da scaricare, nel nostro caso l’estratto conto da cui reperire la giacenza media, basterà cliccare sul PDF privo di catenaccio. Nella prima pagina del documento si potrà visualizzare la giacenza annuale. Esiste, però, un metodo ancora più veloce che può essere utilizzato qualora non si abbia la necessità di scaricare l’intero estratto conto. Il possessore della carta PayPal potrà trovare direttamente il calcolo della giacenza media per il calcolo dell’ISEE selezionando l’apposita voce dall’elenco presente nel menu laterale. La schermata che apparirà riporterà esclusivamente il dato necessario per la corretta compilazione del modello ISEE che si potrà stampare con un semplice clic.

Il primo estratto conto sarà disponibile solo passato il primo anno di possesso della carta PayPal perciò, qualora questo periodo di tempo non sia passato, occorrerà attendere prima che la documentazione sia presente online. In questo caso, per ottenere il dato sulla giacenza media sarà sufficiente contattare il servizio assistenza di PayPal (telefonando al numero 800 975 345) e richiedere l’invio gratuito del documento.

Un ulteriore modo per ottenere il calcolo della giacenza media sulla carta PayPal prevede l’utilizzo dell’app Lottomaticard dal proprio dispositivo mobile. Seguendo le stesse operazioni, si conoscerà in pochi passaggi la giacenza annuale PayPal.

Come calcolare da soli la giacenza media annua di PayPal: esempio pratico e simulazione

La giacenza media annua deve essere dichiarata dal contribuente nella Dichiarazione Sostitutiva Unica in relazione non solo al possesso di un conto corrente bancario o postale ma anche di una carta prepagata dotata di codice IBAN come nel caso di PayPal. Richiedere l’estratto conto alla banca oppure recuperarlo tramite l’home banking della carta prepagata è semplice, ma è possibile calcolarlo personalmente semplicemente tenendo conto di alcuni dati presenti nell’estratto conto stesso e di una specifica formula.

Il primo passo consiste nel calcolare le giacenze giornaliere per ogni singolo giorno dell’anno. Poi, bisognerà moltiplicare le singole giacenze per i giorni in cui sono rimaste costanti. Gli importi ottenuti andranno sommati per ottenere la giacenza totale da dividere per 365 giorni. Il risultato corrisponderà alla giacenza media annuale. I dati necessari per calcolare le giacenze giornaliere si reperiscono, come detto, dall’estratto conto. Poniamo, per esempio, che la giacenza sia di 100 euro al giorno per 100 giorni, il calcolo della giacenza giornaliera corrisponderà a 100,oo x 100, cioè 10.000 euro. Poi occorrerà moltiplicare le singole giacenze per i giorni in cui sono rimaste costante, perciò se la giacenza è rimasta di 80,00 euro per 12 giorni occorrerà svolgere 80 x 12 che dà come risultato 960,00 euro, se la giacenza è stata di 25 euro per 253 giorni occorrerà calcolare 25 x 253 (= 6.325) e così via.

Ottenute tutte le cifre si dovranno sommare gli importi ottenuti. Nel nostro esempio si uniscono 10 mila euro, 960,00 euro e 6.325 euro. Il risultato ottenuto, 17.285, si dovrà dividere per 365 ottenendo 47,35 da arrotondare a 47,00 euro. Questa è la giacenza media annua da indicare nel modello ISEE relativa alla carta prepagata PayPal.

Per quanto riguarda il conto PayPal, abbiamo inizialmente detto come il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali non lo riconosca come un conto reale da dichiarare nell’ISEE. Altre indicazioni però, identificano tale conto come un conto estero (dato che PayPal è una società con sede a Lussemburgo) per cui è previsto il monitoraggio fiscale al di sopra della soglia media annua di 15 mila euro. Difficilmente una cifra così importante viene depositata in un conto PayPal ma qualora accadesse il proprietario dovrà indicarne il possesso nella dichiarazione dei redditi all’interno del quadro RW nel Modello Unico dei redditi delle persone fisiche e versare l’imposta sul valore dell’attività finanziaria all’estero pari a 34,20 euro. In caso contrario, il possessore del conto PayPal verrà sanzionato con una multa di 258,00 euro e avrà l’obbligo di sanare la compilazione entro 90 giorni dal termine della dichiarazione dei redditi per evitare multe più salate.

Ricordiamo che per chiarimenti inerenti alla richiesta di giacenza media annua sulla carta prepagata PayPal o sul conto è sempre a disposizione dei possessori della carta l’assistenza clienti telefonando al numero prima indicato oppure inviando una email attraverso l’Area Riservata del sito www.paypal.com.