Conto Deposito CheBanca 2019, tassi al 2%: opinioni e interessi

CheBanca offre un buon conto deposito nel 2019, con tassi di interesse molto elevati e opinioni favorevoli. Sono tempi duri per i risparmiatori italiani ed europei: a seguito delle misure intraprese dalla Banca Centrale Europea al fine di contrastare le spinte deflazionistiche che interessano l’economia del vecchio continente, i tassi sui depositi si stanno restringendo inesorabilmente, attestandosi impietosamente tra lo 0% e l’1%. Per questo motivo è sempre una piacevole sorpresa constatare che esistono delle proposte più vantaggiose per gli utenti che non se la sentono di aprire conti all’estero ma preferiscono rimanere in Italia, come quelle di CheBanca, che offre ai nuovi clienti l’opportunità di attivare un conto deposito che frutta il 2% lordo. Vediamone insieme le caratteristiche.

Offerta Conto Deposito “Promo 2%” CheBanca 2019

CheBanca fa parte del gruppo Mediobanca, l’istituto di credito italiano fondato nel 1946 ed ora quotato alla Borsa di Milano. Attiva dal 2008, la nuova banca offre ai correntisti i tipici servizi online dell’home banking; un sito internet scorrevole e chiaro, le applicazioni per dispositivo mobile   e le funzioni di “WoW”, il servizio di pagamento elettronico da smartphone che semplifica le transazioni commerciali degli utenti. Particolarmente interessante è il conto deposito offerto da CheBanca, considerato che concilia la gratuità del conto corrente ad un rendimento periodico sulle somme depositate.

Le spese di gestione del prodotto (apertura, amministrazione, versamenti, prelievi da ATM) sono infatti pari a zero, mentre si potranno ricevere degli interessi sul capitale vincolato, che non potrà essere inferiore ai 100 euro. Una delle caratteristiche più interessanti della proposta consiste nella possibilità di vincolare il deposito per un orizzonte temporale variabile a scelta dell’utente, che potrà andare da un minimo di 3 mesi, ma che potrà estendersi anche fino a 6 o 12 mensilità. Una promozione prevede un rendimento del 2% lordo sull’importo depositato, con gli interessi che verranno erogati direttamente al momento dell’attivazione del deposito stesso.

Opinioni CheBanca!

Oltre al conto deposito, sono molto buone le opinioni per CheBanca, che propone tre diverse opzioni di conto corrente da aprire in modo da avere accesso al conto deposito stesso. Quella denominata “Conto Corrente” è la più conveniente, in quanto non presenta costi di canone annuo e spese di bollo, anche per le giacenze superiori ai 5000 euro. Al conto è associata una carta di debito gratuita appartenente ai circuiti internazionali di Bancomat, PagoBancomat, Maestro e FastPay, mentre la carta di credito su richiesta, che consente l’accesso a prestiti e fidi, ha un costo mensile di 2 euro, per un totale di 24 euro annui. Bonifici, prelievi e altre operazioni via home banking sono prive di costi.

Il “Conto Tascabile” consente invece di possedere una carta prepagata ad un canone mensile di 1 euro. Si potranno effettuare gli acquisti online e tramite POS, i prelievi da ATM sono gratuiti per un massimo di 500 euro giornalieri e i versamenti non presentano costi di commissione, fino ad arrivare ad una giacenza massimo di 50 mila euro. Il conto consente di saldare bollette, inviare bonifici e ricevere retribuzioni, monitorando tutte le transazioni con un servizio di alert attivabile su dispositivo mobile. Puoi leggere anche: Conto Italiano Online del Monte dei Paschi.

Il “Conto Yellow” è invece quello più completo, a fronte però del pagamento di un canone annuo di 24 euro. Si tratta di un prodotto che consente di disporre di una carta di debito e, su richiesta, di una carta di credito del circuito Mastercard, ad un costo mensile di 2 euro, abilitata per  prelievi e pagamenti gratuiti in tutte le valute. Il conto consente di ricevere degli interessi trimestrali sulle somme in giacenza (che devono essere tuttavia superiori ai 5 mila euro) e di accedere ai Certificati di Deposito di Mediobanca. Infine, con il “Conto Yellow” ci si potrà dedicare alla compravendita di tasset finanziari, tramite un dossier messo a disposizione dalla banca che prevede 2600 fondi, obbligazioni Mediobanca, titoli di stato, ETF ed azioni.